Seleziona una pagina

Il mantra: la voce come strumento di guarigione

La parola mantra è composta da man radice della parola “mente” e tra radice della parola “strumento” e quindi il suo significato letterale è “strumento della mente”.

L’antica tradizione del Vedanta esamina i vari suoni prodotti in natura,le vibrazioni fondamentali del mondo che ci circonda:questi suoni sono l’espressione della mente cosmica o infinita e sono alla base di tutti i linguaggi umani:se si recitano le lettere dell’alfabeto una dopo l’altra si emettono gli stessi suoni emessi spontaneamente dai bambini.Tali suoni comprendono anche le vibrazioni create dagli animali e presenti ovunque in natura:i suoni del vento,del fuoco che arde,del tuono,del fiume che scorre,delle onde del mare etc.La natura è vibrazione,ritmica,musicale,primordiale.

La vibrazione è lo strumento con cui il potenziale infinito si esprime in qualità di universo manifesto

L’universo manifesto sembra costituito da oggetti solidi mentre in realtà è composto da vibrazioni il cui livello varia a seconda del tipo di oggetti.

il mantra la voceTutte le vibrazioni interagiscono tra loro e noi le interpretiamo come materia e sensazioni.

Il corpo vibra in continuazione ma i suoni sono così impercettibili che ci sfuggono.

Secondo la tradizione vedica pronunciando un mantra ad alta voce i suoi modelli di vibrazione provocano effetti particolari e creano eventi nel regno fisico.

Recitare un mantra dà origine ad una vibrazione, che ci porta nel campo della pura consapevolezza o spirito da cui sorge la vibrazione.Un mantra è quindi un modo di trascendere e tornare alla fonte del pensiero

Mantra specifici provocano vibrazioni ben precise

Lo strumento di guarigione della voce

La voce umana costituisce indubbiamente lo strumento di guarigione e trasformazione più potente e sicuramente più antico.

Fin dai tempi preistorici gli esseri umani hanno utilizzato le loro voci per varie forme di preghiera,dai canti per favorire la crescita del grano a quelli intonati per far risuonare il divino.

Il potere della voce umana è particolarmente efficace in relazione alla progettualità e all’intenzione insite in essa,che amplificano il suono.

Ogni volta che un suono o una parola viene utilizzata ripetutamente si può considerare un mantra,che si tratti di om,shalom,Allah,Ave Maria,alleluia o amen

A livello fisico pronunciare un mantra lentamente fa sì che il sistema nervoso compreso il ritmo cardiaco,la respirazione e le onde cerebrali, entrino in sintonia e assecondino il ritmo del canto.

Questo fatto di per sè è efficace parchè quando il ritmo del corpo rallenta si induce uno stato di coscienza più profondo e la diminuzione della pressione sanguigna con un effetto di rilassamento.

Inoltre quando i mantra vengono intonati si sprigionano fattori neurologici e chimici e anche ormonali,come le endorfine dagli oppiacei.

Il mantra e i neuromediatori

Se tale attività viene svolta insieme ad altre persone, si produce l’ossitocina cioè il cosiddetto ormone della fiducia.Cantare insieme crea fiducia e si superano le barriere e le separazioni preesistenti,con conseguente senso di benessere

I diversi mantra e altri suoni prodotti dall’individuo possono attivare il rilascio di melatonina,ormone prodotto prinipalmente a livello cerebrale(epifisi)che tra le varie funzioni include la regolazione dei cicli del sonno e che viene attualmente usato a livello sperimentale per tentare di ridurre i tumori.Studi recenti indicano la melatonina come un possibile rimedio alla depressione

Nell’organismo umano il monossido di azoto (fattore di rilascio endotelio-derivato, sigla inglese EDRF) rappresenta un importante neurotrasmettitore con effetto vasodilatante. Può agire sulla muscolatura liscia dei vasi sanguigni provocando vasodilatazione con conseguente aumento del flusso ematico e funzione omeostatica. Oltre ad essere un potente vasodilatatore, inibisce anche l’adesione e l’aggregazione piastrinica.

Viene sintetizzato dai macrofagi durante la risposta immune e può contribuire ad un diretto effetto battericida

L’ossido di azoto si attiva in corrispondenza di specifici suoni come per esempio l’emissione della voce a labbra chiuse.Può darsi che le vibrazioni acustiche dei nostri stessi suoni possano risuonare negli organi interni e scatenare il rilascio dell’ossido di azoto:le nostre cellule e il nostro DNA reagiscono ai diversi stimoli ambientali e al suono in particolare (Bruce Lipton):ogni cellula infatti è dotata di un campo magnetico,le cellule comunicano l’una con l’altra tramite il proprio campo magnetico inviando e ricevendo le informazioni necessarie a svolgere specifiche funzioni.Tale campo magnetico può essere considerato la memoria della singola cellula.Il movimento vibratorio degli elettroni presenti nel nucleo della cellula determina cambiamenti nel campo magnetico della cellula e di conseguenza modifica il comportamento o la funzione della cellula stessa.Ne consegue che è possibile cambiare il comportamento di una cellula introducendo frequenze di vibrazione.

Se il cervello è sottoposto a impulsi (visivi,sonori o elettrici) di una certa frequenza ,la sua naturale tendenza è quella di sintonizzarsi con la frequenza di quell’impulso(risonanza):se il nostro cervello è sottoposto a frequenze vibratorie di un certo tipo è possibile farlo funzionare su onde come le onde theta che risvegliano la nostra parte creativa e ispiratrice,alleviano lo stress e il dolore promuovendo il rilascio di endorfine e sincronizzando i due emisferi del cervello:a questo livello possiamo considerare anche l’equilibrio psicosomatico tra l’emisfero sinistro(analitico)e quello destro(analogico)

Intonare i suoni sacri e i mantra ha quindi effetti sul corpo fisico compresi il sistema nervoso,le cellule, le molecole e persino il DNA,facendo risuonare le parti anatomiche relative:diverse frequenze sonore stimolano la vibrazione di diverse zone del corpo

Effetti sul corpo fisico

-aumento della ossigenazione cellulare

-diminuzione della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca

-aumento della circolazione linfatica

-alti livelli di melatonina

-riduzione degli normoni correlati allo stress

-rilascio delle endorfine (oppiaceo autoprodotto-analgesico naturale)

-incremento della interleukina1 il cui principale ruolo è nella regolazione delle cellule del sistema immunitario :difetti nella produzione sono implicati nell’eziogenesi della malattia di Alzheimer,cancro,depressione maggiore,malattie infiammatorie croniche intestinali

Effetti emotivi

Le vibrazioni dei mantra riconnettono con i suoni e le vibrazioni naturali interiori ed esteriori riportando in uno stato di armonia e di equilibrio

Le vibrazioni dei mantra sono prodotte dalla nostra voce o dalla nostra mente,sono un fenomeno endogeno attivo e creativo sotto il controllo e la volontà dell’individuo che li produce(più efficaci rispetto ai suoni prodotto da strumenti esterni).

Ogni mantra ha il massimo di efficacia se recitato o cantato;ciascun mantra ha un preciso significato in lingua sanscrita,tuttavia non è il significato l’elemento più importante di un mantra bensì la qualità della vibrazione sonora

Deepak Chopra nella sua pubblicazione “Quantum healing” descrive i risultati di guarigione ottenuti (in sinergismo con altre terapie)nei confronti del cancro,tramite lo sviluppo della autoconsapevolezza e conoscenza di se stessi,stimolando le potenzialità fisiologiche dell’individuo,utilizzando il”suono primordiale” del mantra OM.

OM è considerato il suono base,la rappresentazion della vibrazione primordiale,quella che nella religione cristiana è indicata dalla frase “in principio fu il verbo” e che la scienza attuale individua come il “big bang”.Quel verbo o suono da cui tutto è iniziato echeggia ancora nell’universo

OM è il mantra di guarigione per eccellenza e ciò dipende essenzialmente dalla combinazione tra la vocale O e la consonante M:la vocale O stimola e apre la regione del plesso solare e dello stomaco,assai importante da un punto di vista fisiologico,mentre la M raccoglie il suono e lo retroflette verso il cantante stesso,mettendone in vibrazione la testa e i tronco.In tal modo si viene a stimolare la circolazione dell’energia vitale,producendo un rilevante effetto di armonizzazione a livello fisico e nervoso.

© Luisa Merati 2016

Foto di ©Cosme De Wynant

 

Destinazione Mindfulness:

56 giorni per la felicità

You have Successfully Subscribed!

Pin It on Pinterest

Share This

Condividere questo articolo?

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Continuando la navigazione dai conferma implicita all'accettazione di tutti i cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Vedi informativa completa.

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi